13 Febbraio 2019

ITER DI APPROVAZIONE DEL PRGC

PROGETTO PRELIMINARE DI REVISIONE DEL PRGC ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE n°5 del 03/02/1999

PROGETTO DEFINITIVO MODIFICATO A SEGUITO DELLE OSSERVAZIONI REGIONALI ED APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE n°90 del 24/10/2000

PROGETTO DEFINITIVO DI REVISIONE DEL PRGC APPROVATO CON DGR n°11-3288 del 25/06/2001

Il Piano Regolatore è stato successivamente modificato con:

  • la Variante Parziale denominata 1P/2002, con deliberazione del Consiglio Comunale n. 91 del18/07/2002;
  • la Variante Parziale denominata 2P/2002, predisposta ai sensi dell’art. 9 della L.R. 285/2000“Interventi per i giochi olimpici invernali – Torino 2006” per l’adeguamento dello svincolo della tangenziale in località Bruere. Tale variante ha assunto efficacia alla conclusione dei lavori della Conferenza dei Servizi avvenuta in data 19/11/2002;
  • la Variante Parziale denominata 3P/2003, predisposta per l’introduzione di modifiche cartografiche e normative con deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 12/06/2003;
  • la Variante Parziale denominata 4P/2003, predisposta ai sensi dell’art. 27 del D.Lvo 22/97 per“Regolarizzazione sotto il profilo urbanistico dell’attività di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi esercitata dalla Ditta Andrioletti Patrizio Srl”. Tale variante ha assunto efficacia alla conclusione delle Conferenze dei Servizi tenutesi nelle date di 18/04/2003 e27/06/2003 presso la Provincia di Torino ed a seguito dell’approvazione del progetto, formalizzata con deliberazione della Giunta Provinciale n. 1342 – 254470/2003 del 21/10/2003;
  • la Variante Parziale denominata 5P/2003, predisposta ai sensi dell’art. 28 della Legge 166/02 perla “Riduzione della fascia di rispetto cimiteriale per l’attuazione di intervento urbanistico”. Tale variante ha assunto efficacia a seguito di parere favorevole dell’A.S.L. 5 del 15/01/2003 ed a seguito dell’approvazione del progetto avvenuta con deliberazione del Consiglio Comunale n. 90del 15/07/2003;
  • la Variante Parziale denominata 6P/2003, predisposta ai sensi dell’art. 5 del D.P.R. 447/98 e s.m.i. per “Realizzazione di struttura turistico – ricettiva”. Tale variante ha assunto efficacia alla conclusione delle Conferenze dei Servizi tenutesi nelle date di 24/10/2002, 23/06/2003 e17/02/2004 presso la sede del Servizio Sportello Imprese del Patto Territoriale Zona Ovest di Torino ed a seguito dell’approvazione del progetto, formalizzata con deliberazione del consiglio Comunale n. 60 del 31/05/2004;
  • la Variante Parziale denominata 7P/2005, predisposta ai sensi dell’atr. 5 del D.P.R. 447/98 e s.m.i per “Realizzazione di nuovo fabbricato industriale e trasformazione di porzione di area industriale in area a servizi”. Tale variante ha assunto efficacia alla conclusione delle Conferenze dei Servizi tenutesi nelle date del 30/11/2004, 23/12/2004 e 11/01/2005 presso la sede del Servizio Sportello Imprese del Patto Territoriale Zona Ovest di Torino. Espletati gli adempimenti previsti dal D.P.R.447/98 e s.m.i., la variante è stata ratificata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 99 del14/07/2005;
  • la Variante Parziale denominata 8P/2005, predisposta per l’introduzione di modifiche cartografiche e normative, approvata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 80 del 19/05/2005;
  • la Variante Parziale denominata 9P/2005, predisposta a seguito di approvazione in sede di Conferenza dei Servizi ai sensi dell’art. 81 del D.P.R. 616/77 e s.m.i. avvenuta in data 30/11/2004 del progetto di “Adeguamento del piano viabile con completamento spartitraffico centrale tra i Km15+600 e 20+650 sulla S.S. n° 25 del Moncenisio”. La condivisione del progetto è stata formalizzata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 71 del 17/05/2005;
  • la Variante Strutturale denominata 1S/2003, predisposta, ai sensi dell’art. 17 comma 4 della L.R. n.56/77 e s.m.i., per intervenire sulle “aree intercluse” ed aventi destinazione d’uso disomogenea rispetto alla caratterizzazione urbanistica assunta dall’intorno. Tale capitolo di progetto ha preso in esame e risolto la eterogenea situazione edilizia caratterizzante le Frazioni Tetti Neirotti e Bruire con l’individuazione e la risoluzione delle aree di “completamento”. Parallelamente alla definizione degli ambiti di intervento è stata sviluppata l’attività di riordino, razionalizzazione e riorganizzazione di aree per servizi pubblici. Si è inoltre intervenuto con l’individuazione di adeguate aree per la rilocalizzazione/localizzazione dei demolitori di autoveicoli per la risoluzione dei problemi di incompatibilità ambientale e di destinazione urbanistica. La suddetta Variante Strutturale al Vigente P.R.G.C. è stata definitivamente approvata dalla Regione Piemonte con osservazioni ex officio, con propria deliberazione della Giunta Regionale n. 25-4848 del 11/12/2006;
  • la Variante Parziale denominata 10P/2006, predisposta per l’introduzione di modifiche cartografiche e normative, approvata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del30/03/2007;
  • la Variante Parziale denominata 11P/2008, predisposta per l’introduzione di modifiche normative,approvata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 23/03/2009;
  • la Variante Parziale denominata 12P/2008, predisposta per l’introduzione di modifiche cartografiche e normative, approvata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 141 del18/12/2008;
  • la Variante Parziale denominata 13P/2010, predisposta per l’introduzione di modifiche cartografiche e normative, approvata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 83 del 12/07/2010;
  • la Variante Parziale denominata 14P/2010, predisposta ai sensi dell’art. 5 del D.P.R. 447/98 e s.m.i per “Ampliamento di fabbricato industriale in area impropria”. Tale variante ha assunto efficacia alla conclusione delle Conferenze dei Servizi tenutesi nelle date del 15/04/2010 e 06/05/2010. Espletati gli adempimenti previsti dal D.P.R. 447/98 e s.m.i., la variante è stata ratificata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 71 del 16/06/2010;
  • la Variante Parziale denominata 15P/2012, relativa alla modifica normativa dell’art. 10.1.4 (“fronti ciechi”), ratificata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 71 del 27/06/2012;
  • la variante parziale denominata 16P/2012, relativa alla modifica dell’area di rispetto del depuratore di Rosta, approvata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 110 del 30/01/2012;
  • la Variante Parziale denominata 17P/2012, relativa alla modifica dell’area normativa 8ACV2, per l’inserimento di edifici per il culto, ratificata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 119 del 29/11/2012;
  • la Variante Parziale 18P/2013, per la modifica della destinazione urbanistica dell’area “Bocciodromo”, al fine di una sua valorizzazione, ratificata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 30/04/2013 ;
  • la Variante Parziale 19P/2013, per modeste modifiche cartografiche e modifica relativa ad attività manifatturiere, ratificata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 61 del 18/09/2013;
  • la Variante SUAP denominata “IMMOVI”, per cambio di destinazione d’uso del fabbricato in Corso IV Novembre 111/B da stoccaggio, smistamento, lavorazione e commercializzazione di prodotti agro-alimentari a fabbricato produttivo-stoccaggio prodotti industria metalmeccanica, ratificata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 99 del 20/12/2015 ;
  • la Variante SUAP, denominata “BUILDING & LANDS”, per intervento su Strada del Fornas, comportante trasformazione dell’ambito normativo At1 “Aree agricole di particolare tutela ambientale”, in due nuove aree normative Sa1-Sa2 (Aree di riqualificazione ambientale di grandi infrastrutture viarie e per infrastrutture a servizio della circolazione), ratificata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 3 del 26/01/2017 ;
  • la Variante SUAP denominata “NUOVA EDILMODERNA”, per perimetrazione dell’area oggetto di intervento in via Alpignano 114, per realizzazione di capannone industriale ad uso magazzino e cambio di destinazione urbanistica da “parco attrezzato” (Fa) in “attività produttive consolidate” (Ic), ratificata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 30/03/2017;
  • la Variante ex art. 17 c. 12 L. R. 56/77 s.m.i., denominata NVAR2/2009, relativa alla predisposizione di area normativa per commissariato di Polizia di via Pavia;
  • la Variante ex art. 17 c. 12 L. R. 56/77 s.m.i., denominata NVAR3/2011 (Ditta Andrioletti),per precisazione della destinazione d’uso nella scheda normativa;
  • la Variante ex art. 17 c. 12 L. R. 56/77 s.m.i., denominata NVAR4/2012, relativa alla predisposizione di 2 aree normative per edifici religiosi in via Acqui;
  • la Variante ex art. 17 c. 12 L. R. 56/77 s.m.i., denominata NVAR5/2013, relativa alla correzione del perimetro area normativa 10Rc18;
  • la Variante ex art. 17 c. 12 L. R. 56/77 s.m.i., denominata NVAR6/2015, relativa all’inserimento di ulteriori destinazioni d’uso nell’area normativa per interscambio Metro;
  • la Variante ex art. 17 c. 12 L. R. 56/77 s.m.i., denominata NVAR7/2015, relativa a modifica in seguito all’approvazione di progetto di Opera Pubblica per allargamento di corso Allamano.