Rivivere le atmosfere del XVIII secolo: il 9 e 10 settembre Rivoli celebra “C’era una volta un Re”

rievocazione storica1

Rievocazione storica tra animazione, spettacoli, costumi, antichi mestieri, musica, danza e teatro


Rivivere Rivoli con le atmosfere del 1730 tra balli, canti, eventi e spettacoli. Il 9 e 10 settembre la città ospita un ricco evento che vuole celebrare “C’era una volta un Re”, ossia la storica rievocazione cittadina a 27 anni dalla sua prima edizione, una delle più rinomate del Piemonte, che si è svolta con grande successo fino al 2010. Vista l’impossibilità di festeggiare l’anniversario dei 25 anni che coincideva con le incertezze del periodo pandemico, si è deciso di regalare alla città una due giorni coinvolgente – ispirandosi a quella rievocazione storica così unica – il prossimo settembre. L’appuntamento si inserisce nel già ricco calendario di eventi della città di Rivoli che con “C’era una volta un Re” vuole portare visitatori e turisti all’ombra del Castello, tornando indietro nel tempo, con cortei, sfilate, mostre e spettacoli teatrali. La manifestazione sarà inaugurata sabato 9 settembre alle 17,30 e nella giornata di domenica prevede eventi e spettacoli dalle 9,30 del mattino fino a tarda sera. Per due giorni il centro storico cittadino, tra piazza Garibaldi e il Castello, sarà quindi teatro di numerose attività, che culmineranno la sera di domenica 10 settembre nella rappresentazione della vita e dell’abdicazione di Vittorio Amedeo II.

La storia di Rivoli è infatti legata a quella del suo castello, testimone delle vicende di casa Savoia e in particolare di uno dei suoi più importanti protagonisti, Vittorio Amedeo II che il 3 settembre 1730, proprio tra le mura del castello di Rivoli celebrò solennemente l’abdicazione in favore del figlio Carlo Emanuele III. In quasi mezzo secolo di regno la città di Rivoli fu testimone dei fasti della corte, cornice perfetta di importanti fatti storici e politici che saranno ricordati durante la rievocazione.

Siamo davvero felici di celebrare questo anniversario grazie anche al prezioso lavoro dei gruppi storici e alla passione di tante persone – afferma il Vice Sindaco e Assessore al Turismo di Rivoli Laura Adduce -. Sarà un momento suggestivo, divertente e pieno di allegria per vivere al meglio Rivoli e il suo Castello, immergendosi nelle atmosfere di un tempo”.

Ed è così che a settembre tra concerti, caroselli e spettacoli si farà un salto nel passato, rivivendo le affascinanti atmosfere del XVIII secolo. Partendo dalla figura di Vittorio Amedeo II di Savoia: durante la rievocazione i visitatori incontreranno personaggi dell’epoca, sapientemente interpretati da attori e gruppi storici, che racconteranno e rappresenteranno episodi e avvenimenti della vita di corte e popolare tra palazzi e monumenti storici della città. Il programma prevede animazione diffusa nel percorso che conduce al Castello con un susseguirsi di momenti della quotidianità popolare e della nobiltà, con giochi per grandi e piccini, animazione, musica, danze e canti. La chiesa di Santa Croce sarà lo scenario per concerti di musica barocca e scene
di vita quotidiana come sposalizi e funerali mentre piazza Bollani ospiterà gli antichi mestieri. Sul piazzale del Castello si potrà rivivere il presidio militare della guardia personale del re. Inoltre proprio la residenza sarà teatro di due importanti eventi: sabato 9 settembre alle 20,30 al via la “Nuit Royale” dal titolo “C’era una volta Dancing” per danzare e divertirsi ispirati al ‘700 tra musiche d’epoca e sonorità moderne con figuranti in costume che coinvolgeranno il pubblico mentre domenica 10 settembre, dalle 21 il Castello vivrà i festeggiamenti di chiusura con la narrazione dell’abdicazione grazie al coinvolgente spettacolo teatrale sulle vicende di corte “C’era una volta un Re”. In piazza inizierà il movimento di militari in manovra, con la proclamazione del nuovo re e la folla in festa. I gruppi storici faranno poi ballare il pubblico fino a mezzanotte.
La città sarà arricchita anche dalla presenza di alcuni pittori che rappresenteranno sulle loro tele vari scorci della città, tra angoli e scene suggestive mentre piazza San Rocco accoglierà le famiglie con tante divertenti attività per bambini e bambine. Una grande festa popolare che promette di far arrivare a Rivoli anche gruppi in costume provenienti da altre Regioni come ad esempio Lombardia, Veneto (Carnevale di Venezia) ed Emilia Romagna.
La rievocazione si aprirà il weekend del 2 settembre quando alle 18 è prevista l’inaugurazione della mostra d’abiti d’epoca alla Casa del Conte Verde che ospiterà vestiti di alta fattura sartoriale, con pezzi unici tutti da ammirare realizzati da Margherita Flora, sarta storica della rievocazione rivolese (ingresso libero; aperta
dal 2 al 10 settembre, da mercoledì a venerdì 16-19, sabato e domenica 10-13, 16-19).


L’evento è organizzato da TurismOvest in collaborazione con la Città di Rivoli e con il prezioso supporto del Coordinamento Rievocazioni Storiche 1600-1700, Gruppo Storico Nobiltà Sabauda di Rivoli e Gruppo Storico
Marsaglia1693 “Dragoni Rossi della Città di Rivoli”.


Dettaglio programma e orari:
SABATO 02 e DOMENICA 03 SETTEMBREAspettando la Rievocazione
SABATO 2 SETTEMBRE, ore 18 Inaugurazione Mostra di Abiti d’epoca Museo Casa Conte Verde realizzati dalla sarta Margherita Flora (la mostra sarà aperta dal 2 al 10 settembre da mercoledì a venerdì 16-19, sabato e domenica 10-13, 16-19, ingresso libero).
SABATO 9 SETTEMBRE
Ore 17,00 Inaugurazione all’entrata principale della manifestazione
Dalle ore 18,00 Animazione e spettacoli per le strade
Ore 19,00 Concerto musica barocca alla chiesa di Santa Croce
Ore 20,30 Al Castello “NUIT ROYALE”
DOMENICA 10 SETTEMBRE
Ore 9,30 Inizio manifestazione
Ore 10,00-19,00 Animazione e spettacoli per le strade
Ore 10,00-19,00 Antichi Mestieri in Piazza Bollani
Ore 10,00-19,00 Scene di vita quotidiana in Piazza Matteotti
Ore 11,30 Concerto musica barocca alla chiesa di Santa Croce
Ore 19,00 SFILATA AL CASTELLO
Ore 21,00 Inizio spettacolo abdicazione al Castello
Ore 22,00 Fuoco di gioia (spari di cannoni e fucili) al Castello
Ore 22,30 Danze in piazza per l’arrivo